I Giovani Democratici

Il gruppo dei giovani democratici del tradatese inizia a formarsi verso la fine del 2008. Tutto nasce dall’iniziativa di quattro ragazzi del liceo “Marie Curie” (Aureliano Gherbini, Pietro Barbieri, Paolo Orlandi e Michele Bassi)  che, accomunati dalla passione per una politica sana e dalla volontà di intervenire attivamente nell’attività politica, incominciano a trovarsi presso la biblioteca del medesimo liceo con la volontà di rendere pubbliche le nostre idee e di coinvolgere un numero più ampio possibile di giovani. Piano piano il gruppo si allarga ed iniziano i primi veri e propri incontri in cui ci si confronta, scoprendo la volontà comune di tentare di rivoluzionare il quadro culturale tradatese idealizzando il manifesto della “Rivoluzione culturale a Tradate”, obbiettivo estremamente presuntuoso ma contemporaneamente stimolante. Nella primavera del 2009 nasce il blog dei “Giovani democratici del tradatese” nell’aprile 2009 vengono pubblicati i primi articoli pubblici sul blog “Altra Tradate”, che raggruppa un pò tutte le voci di coloro che vogliono dare il proprio contributo alla crescita di tradate. Con le elezioni Europee del giugno 2009 iniziano i primi volantinaggi pubblici: il gruppo si sente ispirato da una forte appartenenza europeista.

Durante il primo anno di attività, guidato principalmente da Aureliano Gherbini, si lavora quindi sulla diffusione delle informazioni e delle proprie idee. Il congresso nazionale del PD fornisce un’ottio stimolo al confronto delle varie idee a supporto delle tre mozioni Franceschini, Bersani e Marino. All’interno del gruppo non si sostiene una mozione unitaria, ma questo va prorio a vantaggio della crescita di ogniuno di noi. Nel frattempo inizia anche la partecipazione alle riunioni di Giovani Democratici della provincia di Varese. I contatti tra il gruppo e l’istituzione provinciale vengono infatti mantenuti sia da Aureliano Gherbini che da Pietro Barbieri. A testimoniare la crescente importanza dei GD del Tradatese vi è l’organizzazione di un’assemblea provinciale dei Giovani Democratici proprio a Tradate.

Finalmente, il 14 febbraio 2010 si tiene il primo congresso, che attesta la nascita ufficiale del circolo, che non comprende solo giovani tradatesi, ma anche provenienti dai paesi limitrofi. Durante il suddetto congresso, Aureliano Gherbini passa il testimone a Pietro Barbieri, che viene così eletto segretario, oltre all’approvazione dello statuto. Nel mese di marzo il gruppo si dedica alla sponsorizzazione delle elezioni regionali, mentre il 18 aprile successivo viene organizzata la prima conferenza pubblica a tema “L’immigrazione in Lombradia e in Provincia di varese” in cui intervengono anche il segretario e il responsabile del settore  integrazione Matteo Romagnoli. In occasione della conferenza viene anche svolto il primo volantinaggio al liceo “Marie Curie” che, promuovendo gli ideali del gruppo, invita ad un’ampia partecipazione giovanile, a cui ne segue un secondo nel giugno successivo. Durante la pausa estiva, la partecipazione volontaria alla festa del PD della Schiranna garantisce i fondi necessari per sovvenzionare l’attività del gruppo stesso. Il 27 Ottobre 2010 viene organizzata una conferenza in collaborazione con il PD di Tradate sul tema del futuro: tra i relatori viene invitato il giovane Pippo Civati e, il 26 novembre, sullo stesso filone, viene invitato il responsabile nazionale giustizia PD Andrea Orlando. L’11 dicembre, per promuovere il dibattito all’interno del liceo Marie Curie sulla riforma Gelmini, i Giovani Democratici espongono alcuni striscioni di critica nei pressi del liceo stesso. Contemporaneamente il gruppo si allarga arrivando a contare quasi quaranta iscritti ed attestandosi come il primo circolo della provincia.

In occasione dei 150 anni dell’unità d’Italia viene organizzata un’azione volta a chiedere l’eliminazione di via Padania a Tradate, proprio a sottolineare gli ideali di unità sostenuti dal gruppo. L’attività continua sempre più intensamente, mentre, il 9 Ottobre 2011, durante il congresso dei Giovani Democratici della Provincia di Varese, Aureliano Gherbini viene eletto segretario provinciale. Poco dopo, Matteo Romagnoli sarà nominato tesoriere del gruppo che tutt’ora conta una quarantina di iscritti.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: